Calendimaggio 2017

Lungo la media valle dello Strona

Percorso alla Scoperta della media valle dello Strona, dove scorre l’omonimo torrente che fino a pochi anni fa era una vera e propria risorsa idrica per gli abitanti di Somma, punto di riferimento sul territorio, e luogo di incontri per lavandaie e pescatori. Oggi la valle dello Strona rappresenta un corridoio ecologico di grande valore, collegamento tra il Parco della valle del Ticino e il Campo dei Fiori di Varese. Facili mulattiere e agevoli sentieri a pochi minuti lungo il placido scorrere delle acque del torrente Strona offrono un’interessante alternativa ai percorsi più battuti e conosciuti. In questo percorso Il CAI ci porta alla scoperta dei vecchi sistemi di controllo delle acque ancora in uso dal consorzio Strona, e ci riporta indietro nel tempo raccontandoci quanto accadeva in località S. Caterina, luogo dove le “lavandaie Sommesi” si riunivano per fare il bucato. In questo luogo l’antico guado in pietra ( una passerella che permette di attraversare il fiume) è stato da poco sostituito, ripristinando dopo tanti anni il passaggio. 

[siteorigin_widget class=”SiteOrigin_Widget_Image_Widget”]

Da S. Bernardino fino alla fine di via Salmorina, e scendere lungo l’ipposidra fino a Via Ducale. Da qui piegare verso nord, e risalire il torrente Strona fino al guado di S. Caterina. (superare il ponte). Proseguire scendendo nuovamente  verso valle e prendere il ripido pendio che risale verso la città fino in località monte Sordo, Moncarletto e infine S. Bernardino.

Descrizione escursione

  • Lunghezza percorso Km: 7.9
  • Tempo : ore 2.30 ca.
  • Punto di partenza: sede CAI Somma L.do ( via Briante 23 Somma L.do)
  • Dislivello: -80 m , + 80 mt 
  • Tratti di strade asfaltate, mulattiere e tratturi e sentiero boschivo
  • Percorso ideale anche per mountain bike e cavallo. NON idoneo per carrozzine 
  • ATTENZIONE:  guado del torrente su un passaggio stretto (Loc. S. Caterina)
  • ATTENZIONE: alcune porzioni di sentiero potrebbero essere prive di manutenzione

Il percorso proposto parte dalla sede CAI di Somma, parcheggiando la macchina presso l’ampio parcheggio di largo risorgimento all’ombra della chiesa di S. Bernardino.  Scarica la mappa

Il torrente Strona

La Strona è un affluente del Ticino ed è caratterizzato da una portata assai variabile, in base all’andamento delle precipitazioni atmosferiche. Il torrente nasce nel Comune di Casale Litta, sfocia nel Canale Caregò e da li in una zona umida, ciò che resta della Palude Caregò. Da lì in poi la Strona scorre in un alveo stretto e ben inciso, discendendo per circa 13 km fino a confluire nel Ticino a Somma Lombardo, dopo aver toccato nel suo scorrere anche i territori di Cimbro, Mornago, Vergiate e Arsago Seprio. La foce, un tempo biforcuta, si colloca appe-na prima del complesso di opere idrauliche del Panperduto, sulla sponda sinistra del fiume azzurro, e proprio sotto al terrazzamento naturale del Belvedere.
La Strona entra nel territorio sommese all’altezza del “Mulin del Copp”. Poco dopo la località Santa Caterina una dighetta, che funge da scolmatore, da inizio al ramo che corre verso valle fino a raggiungere il Ticino. Questo ramo è chiamato Stronaccia o Strona Vecchia sul quale un tempo esisteva il ponte (ora rudere) che proseguiva sull’Antica Via Ducale verso Golasecca.
Una presenza, quella della Strona, resa ormai per certi versi impalpabile, soprattutto dall’incuria delle aree boschive interessate, la cui vegetazione cresciuta senza più controllo ne nasconde ormai quasi del tutto la vista. L’abbandono o la delocalizzazione di talune pratiche agricole, ed il forte sviluppo industriale che ha interessato il nostro territorio a partire dagli anni ’60, hanno di fatto tolto progressivamente importanza a questo corso d’acqua, che in passato ricopriva invece un ruolo rilevante per gli abitanti dei comuni citati, in particolar modo per quelli di Somma.
Della Strona dei primi ‘900 si rammentano l’incredibile limpidezza delle sue acque, non per nulla le preferite dai sommesi per fare il bucato, lo splendore delle aree prative da esse attra-versate, ricche di sorgive, l’abbondanza di fauna acquatica, soprattutto crostacei. Vi era una nutrita presenza di mulini per la macina dei prodotti della terra, grano e la pilatura del riso; si narra che a fine ‘800 lungo la Strona ce ne fossero addirittura 11 mulini, dei quali 4 in territorio Sommese. Gli ultimi cessarono l’attività alla fine degli anni 40.
Attualmente le sue acque vengono utilizzate per irrigare i prati da parte di coltivatori utenti del “Consorzio Irrigazione Strona”.

Scorci del percorso

Gallery 2017

Lascia un commento